Neuromarketing: il profumo dei soldi

Lunedì 01 Ottobre 2018 - 08:08

Neuromarketing: il profumo dei soldi
Ti piace questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!

Il Neuromarketing, o Marketing Sensoriale, è quel campo scientifico d'indagine e di comunicazione che punta al coinvolgimento dei vari sensi per aumentare le vendite.
Coinvolgere quindi più sensi oltre alla vista non solo è possibile, ma è anzi altamente consigliato. Infatti, seppure possa sembrare incredibile, la comunicazione visiva è quella meno efficace mentre quella olfattiva è quella con i risultati più interessanti.
Parola di Martin Lindstrom, vero e proprio guru mondiale del marketing e comunicazione, che grazie all'aiuto di due neuroscienziati (Gemma Calvert e Richard Silberstein) ed all'impiego delle più avanzate tecniche di scansione cerebrale (come ad esempio la Risonanza Magnetica Funzionale o la Topografia a Stato Stazionario), ha rilevato per tre anni le risposte neuronali dei numerosi volontari che hanno partecipato agli esperimenti.

Le rilevazioni di Lindstrom non lasciano spazio a dubbi ed indicano chiaramente che i brand di maggior successo riescono a imporsi all'attenzione del consumatore grazie all'opportuna sollecitazione della sua sfera affettiva.


Cambiare tipologia di comunicazione è quindi una necessità

Sembra impossibile, ma la comunicazione visiva è la meno efficace. Ma perché?
La risposta è semplice: ne siamo ormai assuefatti. Tutta la pubblicità si basa infatti su una moltitudine di immagini, luci, colori ed il risultato è che in questo bombardamento visivo, tutto risulta appiattito e grigio.
Fate una prova: prendete un foglio stampato e sottolineate o evidenziate qualche parola. In questo modo queste spiccano e risaltano. Ma cosa succede se iniziamo a sottolineare tutto?
Il risultato sarà quello di un generale appiattimento, come quando il foglio era intonso.

L'olfatto invece, oltre che essere sicuramente meno stimolato (almeno scientemente) è decisamente il senso migliore su cui fare leva.
Pam Scholder Ellen, ricercatrice e docente di marketing alla Georgia State University, afferma infatti che "con tutti gli altri sensi, pensi prima di rispondere. Ma con l'olfatto il tuo cervello risponde prima che tu pensi".

L'olfatto è un senso "primordiale", lo usiamo istintivamente quando compriamo della frutta al supermercato o quando apriamo un libro. Restiamo inebriati dal profumo della persona che amiamo e percepiamo l'acquolina in bocca quando sentiamo l'odore della cucina della mamma. Questo perché i recettori degli odori attivano il sistema limbico, quelle aree del cervello che che supportano svariate funzioni psichiche come le emozioni, i ricordi ed il senso del benessere.


Posso sfruttare i profumi per aumentare le vendite?

Assolutamente sì! E non sarete nemmeno i primi a farlo!
Samsung, in alcuni negozi nel pieno centro della caotica New York, diffonde il profumo di frutti tropicali per far rilassare i propri clienti e per portarli psicologicamente su una spiaggia caraibica; British Airways invece irradia i terminal con l'essenza di erba appena tagliata, così da pacare lo stress delle lunghe attese nei freddi e sterili terminal d'imbarco; Nestlé crea le confezioni di Nescafé in modo che all'apertura venga rilasciata una forte fragranza di caffè, cosa altrimenti impossibile per prodotto liofilizzato.

Non siete ancora convinti? Provate a cercare su Google il termine RTX9338PJS e scoprirete che anche in luoghi già carichi di profumi ed odori tipici, le tecniche di Marketing Sensoriale vengono utilizzate abitualmente.


Quanto può fruttare il Marketing Sensoriale?

Se fatto in modo appropriato: parecchio!
Il dottor Alan Hirsch, pioniere delle neuroscienze e della ricerca olfattiva, tanto da essere definito il "Jacques Cousteau del naso", ha infatti condotto svariati esperimenti sul marketing sensoriale olfattivo ed i risultati sono stati a dir poco sorprendenti.
Un esperimento, ad esempio, consisté nel far entrare un gruppo di volontari in due stanze dall'aspetto identico in cui erano esposte scarpe snicker della Nike. In una stanza veniva irradiato un profumo di fiori mentre nell'altra dell'aria pura priva di odori.
Ebbene non solo l'84% dei soggetti ha dichiarato di preferire le scarpe nella stanza col profumo, ma questi erano inoltre predisposti a spendere mediamente 10 dollari in più per l'acquisto delle stesse rispetto ai soggetti nella stanza priva di fragranze.

Un esperimento similare fu condotto all'interno di un casinò di Las Vegas nelle aree delle slot machine. Di 3 aree prese in esame, quella con l'irradiazione di fragranze profumate ha registrato un incremento di giocate del 45% ed è stata rilevata una netta correlazione fra l'intensità del profumo e l'ammontare delle puntate.

Il Marketing Sensoriale sta riscontrando sempre più interesse fra chi ha un negozio, un'attività commerciale o, in generale, si occupa di marketing.
E tu, hai fiuto per gli affari?

Altre news

  • Martedì 24 Luglio 2018

    9 motivi per scegliere un espositore in legno ad incastro

    9 motivi per scegliere un espositore in legno ad incastro

    Stai valutando come presentare i tuoi prodotti e non sai cosa scegliere? Ecco 9 punti che ti chiariranno ogni dubbio!

  • Venerdì 29 Giugno 2018

    Stai dando la giusta importanza alla presentazione dei tuoi prodotti?

    Stai dando la giusta importanza alla presentazione dei tuoi prodotti?

    L'esposizione dei prodotti è l'ultimo processo prima della vendita. Lo stai curando adeguatamente?

  • Mercoledì 29 Novembre 2017

    Legno e vino, binomio di qualità

    Legno e vino, binomio di qualità

    Con il fatturato in costante aumento, la partita del vino si gioca sugli scaffali e nel modo di esporre

Le nostre profumazioni

Possiamo aggiungere a qualsiasi tinta all'acqua (anche la trasparente) un'ampia scelta di essenze profumate. Oltre 60 "gusti" per incrementare le vendite grazie all'esperienza olfattiva dei tuoi espositori!


Albicocca

Albicocca

Alloro

Alloro

Ananas

Ananas

Anguria

Anguria

Anice

Anice

Arancio

Arancio

Arancio e Cannella

Arancio e Cannella

Basilico

Basilico

Biscotti

Biscotti

Brezza Marina

Brezza Marina

Caffè

Caffè

Camomilla

Camomilla

Chewingum

Chewingum

Ciliegia

Ciliegia

Cioccolato

Cioccolato

Cocco

Cocco

Cuoio

Cuoio

Erba Tagliata

Erba Tagliata

Fiori d'Arancio

Fiori d'Arancio

Formaggio

Formaggio

Fragola

Fragola

Frutti Tropicali

Frutti Tropicali

Gelsomino

Gelsomino

Gomma

Gomma

Incenso

Incenso

Kiwi

Kiwi

Lampone

Lampone

Lavanda

Lavanda

Limone

Limone

Liquirizia

Liquirizia

Mandarino

Mandarino

Mela Verde

Mela Verde

Melone

Melone

Menta

Menta

Miele

Miele

Muschio

Muschio

Olio Solare

Olio Solare

Orchidea

Orchidea

Origano

Origano

Pane

Pane

Patchouli

Patchouli

Pesca

Pesca

Pino

Pino

Pizza

Pizza

Pompelmo

Pompelmo

Porcini

Porcini

Prezzemolo

Prezzemolo

Profumo Femminile

Profumo Femminile

Prugna

Prugna

Ribes Nero

Ribes Nero

Rosa

Rosa

Rosmarino

Rosmarino

Sandalo

Sandalo

Sapone di Marsiglia

Sapone di Marsiglia

Sherry

Sherry

Tabacco

Tabacco

Tartufo

Tartufo

Tè verde

Tè verde

Vaniglia

Vaniglia

Vino Moscato Dolce

Vino Moscato Dolce

Violetta

Violetta

Zenzero

Zenzero

X
Per migliorare il servizio, Amici Atos di Amici Daniele e C. Snc ed i suoi partner utilizzano i cookie. Continuando la navigazione del sito ne accetti l'utilizzo.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come modificare le impostazioni del tuo browser, leggi la nostra politica in materia di cookie.

ACCETTA